London week 18 – braveheart, William Wallace insegna

Mi sveglio due ore prima del solito, dover aver dormito ad intermittenza e aver sognato insetti giganti che uscivano da sotto il letto.

Il periodo di insonnia e’ arrivato.

La pioggia leggera ticchettante sulla finestra mi dice che forse non andrò al lavoro a piedi come avevo programmato. Ma in fondo siamo a Londra, mi dico. È solo una pioggerella fina. E, convinto di aver compreso i misteri della logica imprevedibile del tempo inglese, mi incammino verso il parco, auricolari nelle orecchie e De Andre’ che mi narra le sue storie.

La pioggerella fine non è rimasta tale. Piacevole se devi scendere al volo per prendere il latte. Un po’ meno se devi camminare per 40 minuti.

Risultato? Ho freddo, i miei vestiti sono bagnati, i piedi umidi.
Ci si rimette sempre ad essere impavidi. In fondo William Wallace ce lo aveva insegnato.

Fortuna che strada facendo Emanuela e Anna Laura mi hanno chiamato 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s